Itinerario alla ricerca dei sapori della tradizione

Con il primo itinerario si è voluto proporre un veloce excursus tra i prodotti tipici locali. Con questo itinerario vogliamo invece proporvi la scoperta di ricette e piatti tipici da leccarsi i baffi.

In tutto il territorio dei Colli Esini e delle Terre Gentili sono innumerevoli le ricette tipiche. Tra i primi piatti da gustare, si consiglia un piatto una volta considerato povero, la polenta fatta con farina di mays 8 file di Roccacontrada macinato a pietra e i “Vincisgrassi” piatto tipico della regione, la cui laboriosa preparazione ne fa un piatto da feste. In alternativa particolamente golosi sono i sughi rossi con con carne di papera o cinghiale con i quali si abbinano gli gnocchi o le pappardelle, che si possono trovare nelle locande o agriturismi dei Castelli di Jesi.

Nel territorio del Parco, a Castellaro, una delle frazioni di Serra San Quirico, si svolge nella prima settimana di agosto, la sagra del “Coniglio in Porchetta” che condito con il fionocchio forte segue la tradizione della cucina delle nonne. Per il dolce proponiamo il “Calcione” diffuso nei comuni del Parco di Serra San Quirico e Arcevia con il suo gusto particolare ed agrodolce derivante dal connubio del sapore intenso del formaggio pecorino e dello zucchero. Imperdibile è anche un assaggio del “Lonzino di Fico” presidio Slow Food che si ottiene con una ricetta antichissima che combina fichi essiccati, mandorle, anice stellato, pezzi di cedro, sapa, mistrà, il tutto avvolto in foglie di fico.

This post is also available in: en