Un itinerario nell’ambiente, punto di forza del territorio

La risorsa ambientale più rilevante di quest’area è sicuramente il Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi con i suoi 10.026 ettari di estensione. Al suo interno si trovano oltre alle famose Grotte di Frasassi anche borghi fortificati, abbazie millenarie, itinerari artistici e culturali di assoluto fascino, importanti musei ed una stazione termale. Innumerevoli le soluzioni per gli amanti dello sport attivo, dal trekking alla mountain bike, dalla roccia alla speleologia, senza dimenticare che il parco è un vero scrigno di biodiversità.
Nel complesso Santa Lucia dell’’antico borgo di Serra S. Quirico, si trova la sede del Parco, attrezzata per svolgere attività didattiche e formative. Oltre al Parco, che interessa il territorio dei comuni di Arcevia, Fabriano, Genga e Cerreto d’Esi, importante il CEA dell’Aula Verde di Valleremita a Fabriano e un’Oasi WWF come il Bosco di Frasassi. L’Aula verde offre la possibilità di svolgere attività ludiche e didattiche. Al suo interno di trova l’eremo di Santa Maria di Valdisasso. Spostandosi a Sassoferrato, comune circondato dai monti, consigliamo un itinerario geoturistico facilmente percorribile che parte da Montelago per scendere al Rifugio Stello verso l’abitato. Ad Arcevia, “la perla dell’Appennino”, troviamo il CEA Giardino “Leopardi” splendido e vasto parco ricco di varietà botaniche. Risalendo sinuose colline dove si coltiva il Verdicchio, si raggiunge Rosora dove si incontra il “Fosso di Rosora”, percorso naturalistico di circa 8 Km che segue il corso di un affluente del fiume Esino, dove il visitatore può scoprire il fascino della campagna marchigiana.

This post is also available in: en